NEWS - CONSIGLI
    CONSIGLI


Data: 25/05/2008
Descrizione:

PNEUMATICI.

Presentiamo alcuni consigli e informazioni per viaggiare in tutta sicurezza e tranquillità con gli pneumatici montati sulla propria autovettura.

Quando si tratta degli pneumatici bisogna essere scrupolosi in ogni occasione.

Non cíè infatti nessun altro componente della propria autovettura che necessiti di così tante attenzioni.

Leggendo quanto segue si può imparare a utilizzare i propri pneumatici in maniera appropriata e capire quando è tempo di sostituirli. E' poi importante comprendere che quanto segue ciò, non riguarda soltanto la guidabilità della vettura, ma prima di tutto la propria sicurezza personale.

Non utilizzateli troppo!

PROFONDITA' DEL BATTISTRADA.

Gli pneumatici troppo usurati perdono aderenza in caso di strada umida, ghiaccio e neve. Uno pneumatico viene definito usurato (e quindi da sostituire) quando la profondità del battistrada è di soli 1,6 millimetri. Tuttavia si raccomanda di non aspettare così a lungo, ma di sostituirli prima per viaggiare sempre in sicurezza.

Gli pneumatici estivi dovrebbero essere sostituiti quando il profilo raggiunge i 2,5 millimetri. Con pneumatici a sezione più larga considerate 3 millimetri come limite.

Gli pneumatici invernali perdono le proprietà di aderenza su strada innevata quando il profilo raggiunge i 4 millimetri e, a questo punto, devono essere sostituiti.

Mantenete la giusta pressione di gonfiaggio!

PRESSIONE DI GONFIAGGIO.

Si sa che essere senza fiato indebolisce, e questo vale anche per i pneumatici. Senza la giusta pressione viene a mancare l'aderenza con la strada. La vita di un pneumatico diminuisce poiché l'interno si usura più velocemente. Inoltre aumenta il consumo di carburante. Non ci stancheremo mai di dirlo: controllate spesso la pressione e lo stato dei pneumatici presso le stazioni di servizio.

La pressione corretta è riportata nel manuale d'istruzioni della propria autovettura. Ricordate tuttavia che la pressione dipende dal livello di carico, dalla velocità e dal tipo di pneumatico. In caso di dubbio rivolgetevi a un esperto.

Esaminate regolarmente ogni 3-4 settimane la pressione. Sottolineiamo "regolarmente". Se infatti presentano una pressione troppo bassa, può darsi che sIa passato già troppo tempo. La pressione deve essere misurata sempre a freddo perché dopo l'utilizzo ad alta velocità l'indicazione non sarebbe corretta.

Avvitate bene il cappuccio della valvola. Sostituite immediatamente quelli mancanti, altrimenti le valvole potrebbero non essere più in grado di trattenere l'aria. Verificare eventuali danni alle valvole.

Non dimenticate la gomma di scorta. Anche per questa deve essere verificata la pressione per non avere brutte sorprese in caso di sostituzione.

Per motivi di sicurezza, è consigliabile aumentare la pressione di circa 0,5 bar.

Esaminate anche lo stato esterno del pneumatico

DANNI AL PNEUMATICO.

Gli pneumatici moderni sono prodotti ad alta tecnologia, ma non possono essere immuni a tutti i possibili danni derivati dal loro utilizzo (per esempio: colpi accidentali contro il bordo del marciapiede).

Ne deriva una leggera perdita di pressione e la conseguenza è l'ossidazione dei fili d'acciao annegati nella gomma o addiritura il distacco del battistrada. Tutto questo è molto pericoloso, sopratutto alle alte velocità.

Di conseguenza occorre esaminarli spesso. I segni sospetti sono tagli, rotture, ammaccature, rigonfiamenti, piccoli pezzi di battistrada che si staccano o corpi estranei come chiodi. Non dimenticatevi di controllare anche la parte interna del pneumatico, che difficilmente si può esaminare da soli. Chiedete piuttosto a un esperto, che può dirvi se è necessario o meno un cambio immediato. Un'usura irregolare del battistrada è un segnale d'allarme. Le cause di ciò possono essere le caratteristiche del telaio o dello sterzo. Anche i freni o colpi presi dal pneumatico potrebbero esserne causa. In tal caso rivolgersi immediatamente a un esperto. Se la causa dell'usura irregolare non viene identificata o risolta, anche i nuovi pneumatici presenteranno presto gli stessi problemi.

Assicuratevi che non ci sia nulla sotto i pneumatici!

LA VELOCITA'.

La velocità troppo elevata danneggia gli pneumatici, specialmente con temperature estive. questa determina infatti una maggiore usura e talvolta anche un cedimento improvviso. Per motivi di sicurezza, rispettate sempre un paio di semplici regole:

- Non guidate mai ad alta velocità quando siete molto carichi, per esempio quando partite per le vacanze con un carico supplementare sul tetto. Nei giorni caldi è meglio diminuire la velocità;

- Non superate mai la velocità massima indicata sugli pneumatici. Attenzione: a volte i rimorchi non possono superare la velocità di 80 Km/h, specialmente i vecchi modelli. In caso di pneumatici invernali la velocità massima ammessa è solitamente tra i 160 e i 190 Km/h.

Non prendetela alla leggera!

CARICO.

Un comportamento corretto non si riferisce solo alla velocità, ma anche al carico. Un veicolo è omologato per un determinato limite massimo di carico, ma in ogni caso non si dovrebbe mai arrivare vicino al limite autorizzato.

Un'autovettura sovraccarica si comporta in modo diverso: offre (con molto bagaglio presente sul tetto) una maggiore superficie di resistenza all'aria e affatica i freni. I pneumatici sono, in caso di carico eccessivo, la parte più soggetta ad usura. Dovete rispettare comunque sempre il limite di velocità massima ammesso a pieno carico. Ricordatevi che spesso si sottovaluta la massa totale del carico: in caso di dubbio lo si deve pesare. Considerate anche il peso di un eventuale portapacchi.

PARCHEGGIARE.

Come abbiamo detto i pneumatici moderni sopportano una grande quantità di sollecitazioni. Il marciapiede è il nemico numero uno. I contatti violenti danneggiano infatti la struttura del pneumatico e generano le condizioni per futuri distacchi del battistrada o addirittura i temuti scoppi. Per abbassare la probabilità che si presentino questi problemi, è sufficiente attenersi a due semplici regole di comportamento nei confronti dei marciapiedi:

- Parcheggiando è meglio effettuare più manovre, piuttosto che strisciare il bordo del pneumatico contro il marciapiede;

- Quando è necessario superare un marciapiede o un dosso, è preferibile farlo a velocità molto ridotta e possibilmente ad angolo retto.

SOSTITUITE I PNEUMATICI IN TEMPO!

Età del pneumatico.

Regola numero 1: dopo circa 10 anni si esaurisce la vita di un pneumatico, anche se appare ancora integro o non utilizzato. Questo perchè la mescola della gomma invecchia e con il tempo perde parte delle sue capacità. L'elevata temperatura e i raggi solari accelerano il processo d'invecchiamento. Specialmente nei paesi del Sud, durante l'estate, i pneumatici delle automobili e delle roulotte parcheggiate a lungo devono essere protetti con apposite coperture. Dopo lunghi viaggi in autostrada verificate la temperatura del pneumatico. Se la temperatura del pneumatico risulta uguale a quella della mano, allora questa è corretta; se invece il pneumatico risulta surriscaldato, occorre appurarne il motivo: o la pressione è troppo bassa oppure si sta verificando un'usura precoce della struttura e della carcassa. Rispettate sempre le seguenti indicazioni:

- I pneumatici delle roulotte e i pneumatici che non vengono utlizzati con regolarità devono essere sostituiti dopo 6 - 8 anni.

- Impiegare gomme di scorta con più di 6 anni soltanto in caso d'emergenza.

CARATTERISTICHE DEL PNEUMATICO.

Per essere sicuri al momento della sostituzione dei pneumatici, si deve sapere cosa significano i numeri misteriosi stampati sul fianco degli stessi.

I pneumatici che possono essere utilizzati sono indicati nel libretto di circolazione della propria autovettura. Quando caratteristiche come misura e tipologia coincidono con quelle indicate nel libretto potete anche utilizzare pneumatici con una capacità di carico o una velocità massima omologata maggiore.

Qui viene presentato un esempio di marcatura secondo la normativa europea:

195/65 R 14 89 H 106.

I numeri significano:

195: La larghezza della sezione in mm.

65: Il rapporto % tra l'altezza/larghezza.

R: Denota il metodo di produzione (radiale)

14: Il diametro del cerchio in pollici.

89: L'indice di carico (qui 580 kg).

H: L'indice di velocità (fino a 210 km).

106: La data di fabbricazione (la 10a settimana dell'anno 1996). Questa data si può trovare anche posizionata in altri posti.

Secondo la vecchia normativa in vigore fino al 1998, l'indicazione 195/65 HR14 era sufficiente. Per evitare difficoltà nel cambio dalla vecchia normatica a quella attuale, sono state modificate anche le indicazioni relative ai pneumatici riportate sui libretti di circolazione. Rivolgersi sempre a un esperto o all'ACI nel caso in cui sorgano dubbi al momento della sostituzione con lo stesso tipo di pneumatico o con uno di marca differente. Anche in questo caso esistono tre indicazioni fondamentali.

E' SEMPRE OPPORTUNO SOSTITUIRE TUTTI E QUATTRO I PNEUMATICI!

Si sconsiglia di montare pneumatici con differenti tipi di battistrada allo stesso tempo. Questo può causare un comportamento inaspettato del veicolo. Inoltre non devono essere montati sullo stesso asse pneumatici con differente profondità di battistrada.

» vietato montare pneumatici con struttura costruttiva differente (diagonale e radiale).

Fate le cose come si deve!

RIPARAZIONE.

Soltanto esperti gommisti sono in grado di valutare se il pneumatico può essere riparato o meno.

Speriamo che con queste semplici informazioni possiate essere più sicuri e tranquilli!

CALLER.

VENDITA GOMME E CERCHI IN LEGA



Caller - P.iva IT 02925850923 - Via Dei Carroz, 10 - 09131 - Cagliari - Sardegna - Italia
Tel.: 070.504854 Fax: 070.5511679 - e-mail: info@caller.it
Copyright 2006 - Webmaster Triumtec Internet & Software Company